Come aprire una fattoria didattica: iter costi e requisiti

Stai pensando di aprire una fattoria didattica? Il tuo sogno è condividere la tua passione per l'agricoltura e gli animali con bambini, ragazzi e adulti?

Come scoprirai in questo articolo, aprire una fattoria didattica è una scelta dai numerosi risvolti positivi. 

L'attività ti permette di promuovere il territorio e la tua azienda agricola, il concetto di un'agricoltura e di un allevamento sostenibile, nonché di valorizzare la poco conosciuta ma affascinante vita agreste, le tipicità e i metodi produttivi sostenibili.

Quindi, mettiti comodo e scopri tutto ciò che c'è da sapere per avviare con successo una fattoria didattica.

  • Cosa vuol dire fattoria didattica?

  • Cosa si fa nelle fattorie didattiche?

  • Come aprire una fattoria didattica: Iter burocratico

  • Diventare operatore di fattoria didattica 

  • Quanti soldi ci vogliono per aprire una fattoria didattica?

  • Gestire i pagamenti della fattoria didattica 

Cosa vuol dire fattoria didattica?

Partiamo proprio dall'inizio: cos'è una fattoria didattica? Fondamentalmente, sono aziende agricole o agrituristiche che hanno deciso di aprirsi al mondo esterno, allestendo spazi e munendosi di attrezzature per far conoscere meglio e fornire educazione ambientale a un vasto pubblico, composto principalmente da bambini e ragazzi ma anche da adulti.

L'Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura sostiene che a oggi in Italia ci siano oltre 3.000 fattorie didattiche, le quali, collaborando con le scuole, associazioni ed enti del territorio, danno vita a programmi nell'ambito di: 

  • Educazione ambientale

  • Pedagogia attiva

  • Conservazione della biodiversità

  • Promozione turistica

  • Conoscenza dei patrimoni enogastronomici 

  • Aiuto a persone svantaggiate

Insomma, aprire una fattoria didattica persegue scopi sociali e nobili. Si tratta di un modello che, diciamolo subito, non è pensato per produrre enormi introiti.

Certo, ci sono possibilità per coprire le spese sostenute e generare guadagni, ma è più che altro un servizio aggiuntivo messo a disposizione dalle aziende agricole, dal quale possono ricavare maggiore visibilità e reputazione. 

Questi due elementi contribuiscono, ad esempio, a ricevere donazioni, stimolare le vendite dei beni prodotti e dei servizi eventualmente offerti quali agriturismo e pernottamento nei pressi della struttura.

Cosa si fa nelle fattorie didattiche?

Bene, ora che abbiamo visto cos’è una fattoria didattica, vediamo quali attività puoi svolgere e come funzionano. 

L'obiettivo di base è coinvolgere un pubblico di visitatori, composto da grandi e piccini, e mostrare loro tutte le attività svolte all'interno dell'azienda agricola.

Figure specializzate come gli operatori delle fattorie didattiche mostrano, ad esempio, come:

  • Raccogliere le uova 

  • Strigliare i cavalli

  • Mungere capre e vacche

  • Raccogliere i prodotti dell'orto

  • Lavorare il latte per produrre i formaggi

  • Raccogliere l'uva e altri frutti.

Le attività puoi scegliere tutto sommato liberamente. Semplicemente, ciò che è richiesto è la creazione di percorsi educativi finalizzati a mostrare come si svolgono le principali attività. 

Chiaramente, l'obiettivo è far vivere una piacevole giornata ai visitatori. Soprattutto per i bambini, far trascorrere loro una giornata a contatto con gli animali e la natura significa fargli vivere un'esperienza che porteranno a lungo con loro. 

Dopo aver mostrato le principali attività dell'azienda agricola, generalmente il tour presso la fattoria didattica si conclude con la degustazione di alcuni prodotti, un giro al negozio di prodotti e souvenir e l'immancabile foto di gruppo.

Come aprire una fattoria didattica: Iter burocratico

Per aprire una fattoria didattica il prerequisito fondamentale è possedere un'azienda agricola. Pertanto, devi già dedicarti ad attività legate all'allevamento di animali e/o alla coltivazione di ortaggi, alberi da frutto, fiori, e così via.

L'iter burocratico, in alcuni passaggi, non differisce significativamente da quello richiesto per aprire un negozio di animali, aprire un allevamento di cani o aprire un asilo per cani poiché è richiesto di: 

A questo punto, l'iter burocratico per aprire una fattoria didattica si discosta da quello previsto per l'apertura di altre tipologie di attività. Devi quindi:

  • Acquisire la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP).

  • Dedicarti almeno 104 giorni all'anno all'attività (Coltivatore diretto).

Questi sono i requisiti per aprire un’azienda agricola ma il tuo obiettivo è aprire una fattoria didattica. Devi pertanto rispettare i parametri stabiliti nella Carta della Qualità 

La carta della qualità per aprire una fattoria didattica

La carta della qualità è un documento emanato da ogni regione che stabilisce i requisiti che deve avere una fattoria didattica. 

Dal punto di vista normativo, si fa riferimento alla legge 96/2006, la quale delega alle regioni l'incarico di stabilire tutti gli standard da rispettare nell'ambito di:

  • Formazione necessaria

  • Sicurezza

  • Competenze

  • Percorsi educativi e pedagogici

In generale, ogni fattoria didattica, per ottenere la carta della qualità, deve dimostrare di:

  • Dedicarsi ad attività biologiche

  • Disporre di figure abilitate (Operatori di fattoria didattica)

  • Disporre di locali e ambienti adatti per accogliere il pubblico

  • Rispettare le norme sulla sicurezza e sanitarie

  • Stipulare un'assicurazione a tutela dei visitatori

Diventare operatore di fattoria didattica 

La figura dell'operatore di fattoria didattica, come abbiamo visto, è imprescindibile per aprire questo ramo d'attività all'interno dell'azienda agricola. 

Pertanto, il titolare, i soci o uno o più dipendenti sono tenuti a frequentare un apposito corso e ottenere il relativo attestato.

Il modo migliore per ottenere l'abilitazione come operatore di fattoria didattica è consultare il sito web della propria regione e verificare quando saranno indetti i prossimi corsi. Nel caso in cui non si trovi alcuna informazione a riguardo, è possibile verificare la presenza del corso presso portali di enti come Confagricoltura o Coldiretti.

Per avere un'idea sul programma, ad esempio, si può consultare quello pubblicato da Coldiretti Lombardia, da cui si evince che il corso:

  • Dura 50 ore

  • È in modalità mista, online e in presenza

Tra gli argomenti trattati durante il corso vi sono:

  • Comunicazione non verbale

  • Elementi di pedagogia

  • Gestione della visita in azienda

  • Predisposizione delle attività di gruppo.

Partecipare a un corso del genere offre competenze essenziali per gestire in modo efficace le attività di una fattoria didattica e per fornire un'esperienza educativa memorabile ai visitatori.

Quanti soldi ci vogliono per aprire una fattoria didattica?

Stimare i costi per aprire una fattoria didattica non è semplice, poiché molto dipende dalle attività che intendi svolgere, dall'investimento in attività promozionali e di marketing, e dai servizi che desideri offrire. 

Tuttavia, con la premessa di avere un'azienda agricola già avviata e quindi un terreno a disposizione, le principali voci di costo per la fattoria didattica includono:

  • Allestimento delle strutture didattiche e ricreative: Per rendere coinvolgente l'esperienza ai visitatori, è essenziale allestire spazi per il ristoro e la didattica. Un paio di aule coperte per accogliere gli ospiti sono certamente da prendere in considerazione.

  • Formazione del personale: Il corso per operatore di fattoria didattica ha un costo di circa 500 euro per persona, e questo importo va moltiplicato per tutte le figure a cui desideri far ottenere la qualifica.

  • Marketing, promozione e materiali: È necessario mettere in conto un investimento in marketing e pubblicità per far conoscere la fattoria didattica al più ampio pubblico possibile. Potresti anche avere bisogno di acquistare materiale informativo e didattico e quindi sostenere una spesa finalizzata a far conoscere e presentare al meglio le attività.

  • Creazione di spazi adatti ai bambini: Potresti dover investire alcune migliaia di euro per realizzare un pollaio adatto alla visita, un piccolo orto biologico, alcuni spazi dove lavorare il latte o i formaggi e creare percorsi guidati che possano condurre i visitatori in giro per la tua azienda agricola.

In generale, pur considerando che ogni situazione è unica, l'investimento complessivo per avviare una fattoria didattica potrebbe aggirarsi mediamente tra 10.000 e 20.000 euro.

Gestire i pagamenti della tua fattoria didattica 

Le fattorie didattiche hanno chiaramente anche lo scopo di generare un reddito. Puoi guadagnare sia direttamente, in quanto i visitatori pagano un biglietto per trascorrere una giornata nella tua fattoria didattica, sia attraverso opportunità di guadagno indiretto derivanti, ad esempio, dalla vendita di prodotti tipici e da attività di merchandising (magliette, cappellini e così via). 

Inoltre, puoi ottenere guadagni da un negozio di souvenir, nonché dalle donazioni che spesso questa tipologia di attività è in grado di attirare.

Il modo migliore per procedere è mantenere separate le entrate generate dalla fattoria didattica da quelle dell'azienda agricola, così da avere una chiara idea della sostenibilità del business. 

Per farlo, puoi aprire un pratico conto aziendale online e gratuito con SumUp e, in pochi minuti, disporre di un IBAN dedicato. Potrai ricevere e inviare bonifici e monitorare tutto direttamente dallo smartphone grazie all'app SumUp.


Cerchi un conto gratuito per gestire le finanze della tua fattoria didattica?

Scopri il conto aziendale SumUp

Infine, se desideri anche ricevere pagamenti via carta o NFC e offrire così un servizio sempre più richiesto da ogni tipologia di clienti, puoi pensare di aggiornare i tuoi lettori di carte scegliendo i pratici POS messi a disposizione da SumUp. Dai uno sguardo alle nostre proposte:

  • SumUp Air: Pratico, economico e semplice da utilizzare. Collegalo al tuo smartphone o tablet via Bluetooth e inizia subito a ricevere pagamenti.

  • SumUp Solo: Il POS indipendente dotato di elegante touchscreen. Si collega alla rete Wi-Fi o via la scheda SIM dati interna.

  • SumUp Solo e stampante: Molto più di un lettore di carte indipendente con touchscreen. Qui hai anche a disposizione una stampante per realizzare rapidamente le ricevute!


Con i POS mobili di SumUp potrai accettare pagamenti da qualsiasi carta e circuito ovunque ti trovi. Nessun costo fisso, nessuna spesa ricorrente.

Scopri i Lettori di Carte SumUp

SumUp Team