Indice

Come aprire un fast food: la guida completa

Se la ristorazione rapida appare come qualcosa di semplice ed intuitivo, aprire un fast food, invece, presenta le stesse difficoltà di qualsiasi altra attività commerciale. Non è facile diventare imprenditori e non è semplice districarsi nella complessa legislatura che regola l’apertura di attività volta alla somministrazione di alimenti.

Inoltre, sorge sempre un dubbio: meglio aprire un fast food in franchising o puntare su un’attività imprenditoriale propria? Analizziamo meglio i singoli punti e vediamo quali possono essere le soluzioni migliori per aprire un fast food di successo e diventare punto di riferimento per la clientela di zona.

Come aprire un fast food trovando l’idea giusta

Quando nel 1948 i fratelli McDonald rivoluzionarono i processi di produzione portando la catena di montaggio in cucina ed aprirono il loro primo fast food, di sicuro non pensavano che negli anni a venire il panino con l’hamburger sarebbe diventato sinonimo di ristorazione veloce e a basso costo. Oggi, sebbene l’idea permanga, il concetto di fast food si è evoluto e ti permette di spaziare con fantasia, alla ricerca del menù che meglio si adatta alle tue competenze e passioni.

Ovviamente se è ciò che desideri, potrai ancora preparare panini con gli hamburger, ma se invece intendi puntare su qualcosa di innovativo ed originale, puoi prendere ispirazione dalle nuove tendenze del fast food.

E puoi farlo a partire da quella che punta alla valorizzazione della tradizione gastronomica locale: negli ultimi anni, infatti, abbiamo assistito all’apertura di fast food che offrono piadine in Emilia Romagna, panini con la porchetta nel Lazio e “pucce” preparate al momento in Salento. 

In alternativa, aprire un fast food vegano ti dà la possibilità di inserirti in un mercato in piena crescita, che negli ultimi anni riscuote l’attenzione del 10% della popolazione italiana, con trend in crescita

Se invece non vuoi rinunciare a mettere in mostra le tue abilità in cucina, sappi che fra le nuove tendenze dei fast food emergono anche i fast gourmet, che attenti alle esigenze della clientela più sofisticata, associano piatti semplici e veloci a pietanze di altissima qualità, preparate con materie prime pregiate e ricette elaborate.

Aprire un fast food in franchising: vantaggi e svantaggi

L’imprenditore che decide di aprire un fast food appoggiandosi ai principali marchi già affermati sul mercato, gode di innegabili vantaggi, primo fra tutti la possibilità di ridurre in modo significativo i costi per l'apertura e l'avviamento del locale. Inoltre, avvalersi dell'esperienza e della notorietà del brand, ti permette di poter contare fin da subito su una clientela già fidelizzata, che non esiterà ad entrare nel tuo fast food.

In generale, ivantaggi offerti dall’apertura di un fast food in franchising sono diversi:

  • supporto prima, durante e dopo l’apertura del locale

  • studio di fattibilità e business plan

  • progettazione e arredamento dei locali

  • accordi privilegiati con la casa madre

  • accesso al know how del marchio

  • esclusiva di zona

  • marketing centralizzato e gestito a livello nazionale

  • riduzione del rischio imprenditoriale

Per contro, anche il franchising di un fast food presenta alcune criticità:

  • costi d’ingresso

  • royalties e contributi periodici

  • mancanza di libertà decisionale nella scelta di menu e prezzi

  • vincolo del contratto pluriennale

  • obbligo di rispetto degli standard imposti dal marchio

Gli acquisti centralizzati, poi, rappresentano tanto un vantaggio, quanto uno svantaggio. Se da un parte ti permettono di avvalerti di prezzi più bassi, dall’altra di sottraggono la possibilità di esplorare nuove realtà per migliorare la tua offerta culinaria.

Inoltre, vale la pena ricordare che i marchi per i fast food in franchising richiedono locali di almeno 40/80 mq, presenza di canna fumaria e un bacino di utenza quasi mai inferiore ai 50.000 abitanti.

Requisiti per aprire un ristorante fast food

Ma cosa serve per aprire un fast food? In linea di massima, che sia in franchising o un’iniziativa privata, documentazione e requisiti saranno più o meno gli stessi.

Come per l’apertura di un ristorante aprire un fast food è necessario esibire un titolo di studio idoneo, come ad esempio quello alberghiero o, in alternativa, possedere l'attestato SAB (Somministrazione Alimenti e Bevande). Inoltre, è sempre richiesto il certificato Haccp rilasciato dall’ASL, che certifica la preparazione in materia di conservazione degli alimenti e igienizzazione di cucine, attrezzature, ecc.

Per aprire un fast food è indispensabile richiedere la Partita I.V.A e iscrivere l'attività al Registro delle Imprese, aprire le posizioni INPS e INAIL, anche per i dipendenti, e presentare la SCIA al comune di appartenenza, per comunicare la data di inizio attività. Con l’occasione, visto che ti trovi in Comune, ricordati di chiedere l’autorizzazione necessaria per esporre l’insegna.

Prima di aprire, inoltre, ricordati che verrà l’A.S.L. per un sopralluogo, con il quale accertare che ogni cosa è conforme alle norme vigenti e che non sussistono difformità o criticità che impediscono l'apertura del locale. Considera, inoltre, che le verifiche dell’A.S.L. potranno avvenire in ogni momento, a seguito di segnalazione o come controlli a campione.

Business plan: come redigerlo

Ora che tutti i documenti per aprire il fast food sono pronti, è il momento di redigere il business plan. Molti neo imprenditori sottovalutano questo strumento, ma è un errore, perché per far decollare un business, è sempre necessario sviluppare l’idea di fondo, analizzandola in ogni suo dettaglio.

Per business plan, infatti, si intende un documento al quale potrai fare riferimento ogni qual volta avrai bisogno di fare un nuovo investimento, apportare una miglioria o verificare la redditività della tua attività. Inoltre, ti sarà indispensabile per coinvolgere eventuali altri investitori nel tuo progetto.

Dalla descrizione dell’azienda, ai costi per aprire il fast food, passando per le strategie di marketing e la mission aziendale, nulla dovrà essere tralasciato. Al momento, preso da mille pensieri, ti sembrerà qualcosa di superfluo, ma fidati, ti tornerà utilissimo in futuro. 

Se pensi di non avere le competenze necessarie per redigerlo, chiedi aiuto a un commercialista o a un consulente di settore, che ti supporteranno tanto nella definizione degli obiettivi, quanto nelle previsioni di budget.

Come trovare i finanziamenti per l’apertura di un fast food?

Aprire un fast food non si discosta poi molto dall’avviare una qualsiasi altra attività commerciale e, per questa ragione, la ricerca dei finanziamenti si muove in direzione delle solite fonti di approvvigionamento. A meno che, ovviamente, tu non disponga già del capitale iniziale per avviare l'attività.

Se intendi chiedere un prestito alla banca, sappi fin d'ora che difficilmente ti verrà concesso, se non sarai in grado di offrire solide garanzie, come ad esempio un immobile, sul quale verrà accesa un’ipoteca. In questo caso, potrai accedere a finanziamenti anche molto interessanti, i cui interessi, però, potrebbero limare i tuoi profitti, soprattutto durante i primi anni di attività.

In alternativa, puoi ricorrere ai tradizionali prestiti a costo zero, ovvero quelli offerti da famigliari ed amici, di solito entusiasti all’idea di aiutarti un momento così importante per te. 

Arredamento per fast food: esprimi il mood del locale

Se hai deciso di non ricorrere al franchising per aprire il fast food, dovrai pianificare ogni singolo dettaglio al fine di assicurare al tuo locale lo stile che desideri. Una volta scelta la location, infatti, dovrai scegliere gli allestimenti per fast food più idonei a rendere la tua attività unica e ben riconoscibile.

Più snelle di quelle di un ristorante, le attrezzature di un fast food devono soprattutto restituire lo stile che ti rappresenta. Minimal, vintage o moderno non importa: tutto dovrà essere abbinato con gusto, senza dimenticare di garantire quella funzionalità indispensabile a facilitare il flusso dei clienti e la loro esperienza.

Quando possibile, sfrutta nel modo migliore l’illuminazione naturale, che grazie a vetrate ed ampie finestre, ti consentirà di risparmiare sui costi di illuminazione. Per la sera, prevedi invece fonti di luce luminose, che possano esaltare i colori e gli elementi di decorazione del locale.

Il fast food, poi, è un tradizionale locale per famiglie, quindi se ti è possibile e se hai lo spazio necessario, prevedi seggioloni per bambini e una zona riservata al gioco: quest’ultima ti tornerà molto utile per offrire servizi di intrattenimento per feste di compleanno ed eventi.

I servizi igienici, oltre ad essere a norma, potranno anche prevedere fasciatoi per i più piccoli e, se vuoi offrire un servizio di qualità, un piccolo locale appartato, per favorire l’allattamento dei neonati.

Temperatura dei locali e musica di sottofondo contribuiscono a garantire comfort alla tua clientela. Se la prima dovrà sempre garantire un ambiente confortevole ed accogliente, per quanto riguarda la musica cerca di trovare qualcosa che sia in tema con il tuo locale. In alternativa, scegli musica di tendenza, che accontenterà tanto i grandi, quanto i più piccoli.

Marketing per fast food

Come aprire un fast food e renderlo un business di successo? Approfittando del potere del marketing! Il punto di forza del tuo locale, in quanto fast food, è il prezzo ed è da qui che devi partire.

Dalle campagne pubblicitarie sui social ai tradizionali volantini, sfrutta ogni mezzo possibile per far conoscere alla tua potenziale clientela ciò che offri e, soprattutto, a quanto lo offri. 

Un piano marketing per fast food non può certo fare a meno dei social media, che servono a promuovere la tua immagine e a sfruttare like, condivisioni e commenti per rafforzare l’immagine del tuo brand. Ovviamente, per la pubblicità online dovrai anche puntare alla geolocalizzazione di Google, che consentirà a chi cerca un fast food in zona di trovarti con facilità.

Volantini e annunci pubblicitari sulle radio locali rappresentano altri due modi efficaci per fare pubblicità al fast food ed attrarre nuovi clienti. In ogni caso, assicurati che la strategia di marketing sia sempre coerente e costante nel tempo.

Aprire un fast food: le conclusioni

Ora che hai tutte le informazioni necessarie per avviare la tua attività di fast food, goditi il meraviglioso mondo della ristorazione! Le previsioni di crescita del settore sono davvero allettanti e mettendo in campo tutta la tua determinazione potrai sicuramente riuscire a dare vita ad un progetto fast food di successo.

Mathis Jean-Gilles